DETTO IN CONFIDENZA – 7

LE  FORCHE

 

Biagino parlava da solo sul biroccio. Il mulo tirava e le ruote giravano bene come giravano al villano certe parti anatomiche assieme alle poche idee nella testa.

“Mò pure li fforche e li furcune (ora anche forcelle e forconi)” farfugliava; “ e lu ggrane comme s’aùne? Tutt’è pruibbite … . Te vuò magnà u pullaste e ppure tia fà lu cunte e quann’adda murì … , pecchè si è giuvvedì u pullaste è bbuone, ma si è viennerdì u pullaste è malamente … ( e il grano come si raccoglie? E’ proibito tutto. Vuoi mangiare il pollo e pure devi calcolare quando ucciderlo perchè di giovedì il pollo è buono ma di venerdì è cattivo).

Ce fusse na cosa sfizziosa ca p’a Chiesia putimme fà. L’ammore, pe llore, l’amma fà sule natura cu natura. Lu ssanne c’a fèmmena, dilicata comm’è, si te ci’affunne se smanèa e s’addecrèa comme se mette mette; è essa ca bba circanne nu poche tutte cose: chelle ch’essa vò nun conte propie niente? (Ci fosse una cosa gradevole che per la Chiesa possiamo fare. L’amore, per loro dobbiamo farlo unicamente sesso contro sesso. Lo sanno che la donna, delicata com’è, se la penetri gode comunque si posiziona; è lei che cerca un po’ tutte le cose: quello che lei desidera non conta proprio niente?).

‘I ffèmmene ll’ànnema nun a tènene’ (Le donne non tengono l’anima)  dìcene llore. E per mezze? assì pure fosse? A cunsiquenza è c’a dummèneca aggia pèrder’ a jurnàta, p’ a mess’ u munasterie, ije sule comm’ a nu ddij’e strùnze. Zi prèvete diceva ch’è innùtile ca ven’a muglièra mija, comm’a purtà nu ciuccie a chièsia. ‘A fèmmena’ dice ‘è comm’a na bbestiulèlla e si nun dà figlie a Ddije serve sule pa fatica’ (dicono loro. E con ciò? se pure fosse? La conseguenza è che la domenica devo perdere la giornata, per la messa al monastero, io solo come un notevole sprovveduto. Il religioso diceva ch’è inutile che mia moglie venga, come portare un asino in chiesa. La donna è come una bestiola e se non dà figli a Dio serve solo per lavorare).

 

Il frate economo, zi’ prèvete’ in persona, passò con un biroccio appena un po’ migliore di quello di Biagino per prelevare altre provviste dai depositi del mezzadro. Questi protestava ogni volta anche se sapeva di sprecar fiato.  Infatti anche quella volta fu apostrofato:

“Si nun te cunvène de fa chistu servìzie pe Domeneddìje, pìgliete li ppezze toje, la fèmmena toja e lasse li tterre de lu munastèrie (Se non ti conviene di fare questo servizio per il Signore Iddio piglia le tue pezze, la tua donna e lascia le terre del monastero).”

Mentre parlava Biagino notava che pure quel personaggio vestiva di stracci appena un poco meglio di lui, era altrettanto unto e puzzolente di sesso e di stalla e in fondo in fondo faceva la stessa vita di merda.

Però bisognava convenire che non sudava dalla mattina alla sera, comandava invece di ubbidire e sottraeva, a sua volontà, ben più della metà dei raccolti ai mezzadri, coltivatori sulle proprietà dell’abbazia. Inoltre quello non lo avrebbe mai scacciato nessuno.

Nell’ispezionare la campagna il monaco scavò fuori un forcone da un pagliaio.

“E chiste nun o ssaje ca nun o ppuò ttenè? (E questo non lo sai che non puoi tenerlo?)” chiese, severo.

“Ije sàccie ca sule ch’e mmane mije e de la mugliera (Io so che solo con le mani mie e di mia moglie)” replicò Biagino coraggiosamente “nun se pò arriglià da terre tutt’a rrobba ca ve vulìte piglià vuje (non si può raccogliere da terra tutta la roba che voi volete prendervi).”

“E ije sàccie, da comme te vaje cunf’ssanne, si la muglière s’acconci’accussì o acculì quanne te la n’case sotte. Si ce stisse a s’ntì a nuje ca ne sapìmme chiù de te mò tenìsse pure li mmane de li figlie a aunà pe tterre (Ed io so, da come ti vai confessando, se la moglie si mette sotto così o colì quando la pigi. Se stessi a sentire noi che ne sappiamo più di te adesso avresti anche le mani dei figli per raccogliere da terra).”

L’economo non aveva l’incombenza di confessare; ma, a Biagino non venne da contestare circa la lampante violazione del segreto sacramentale bensì afferrò, come per una improvvisa illuminazione, il perchè i preti ci tenessero tanto alla prolificità: più figli, più futuri schiavi da cui farsi mantenere, subordinati, per amore o per forza, alle esigenze del Signore ovviamente.

“Si chella ten’i gulije c’a vocca … (Se quella ha desideri per la bocca…)” provò a interloquire.

“Chella c’a vocca adda sciatà e bbaste e cu mazze … ce simme capìte, Biaggì. Ije u mazze tuje t’o scasse a càvece si nun ‘mpar’a muglièrete a se stà comm’a Ddije cumànne. Add’ausà chest’a vi’ (Quella con la bocca deve fiatare e basta e col sedere … ci siamo capiti, Biagino. Io il sedere tuo te lo rompo a calci se non insegni a tua moglie a giacere come Dio comanda. Deve usare questa, la vedi).”

La moglie di Biagino era lì presente come una pianta, senza significare granchè , coperta di lerci panni; e sotto quelli il sant’uomo la scavava maliziosamente con la scusa palese di sottolineare il suo dire.

“Zi prè, tenìt’i mman’a poste! (Zio prete, tenete le mani a posto)” sbottò Biagino tutto rosso, “sinnò ve facci’abb’dè comme pure se pò ausà u furcone: stàtev’attient’o mazze  vuoste! (sennò vi faccio vedere come pure si può usare il forcone: state attento al sedere vostro).”

Per colpa dell’abate, che non voleva spendere presso il bargello per ottenere un miliziano di scorta, l’economo si rese conto, allora, come fosse imprudente girare per il contado da solo. Non gli capitava di frequente di trovare chi lo fronteggiasse ma, all’occorrenza, cosa fare?

“Sì, cierte; ma che bbaje dicenne, Biaggì? (Sì, certo; ma che dici, Biagino?)” sdrammatizzò sorridendo. “Tu si’ guagliòne ancòre. Te voglie bbene e lassamme pèrde (Tu sei ancora ragazzo. Ti voglio bene e lasciamo stare).

O’ ssaccie c’u furcòne serve; ma almène annascùnnele mèglie quanne bbenìmme nuje (Lo so che il forcone serve; ma almeno nascondilo meglio quando veniamo noi).

‘O pàpa, Biaggì, à pruibbìte pur’i furcelle a ttàvula pe magnà (Il papa, Biagino, ha proibito anche le forchette a tavola, per mangiare).”

“Nuje magnàmme ch’e mmane (Noi mangiamo con le mani)” puntualizzò il contadino sempre più tetro e impettito: quella palpata sotto la sua donna proprio non la digeriva.

“E pure nuje (Ed anche noi)” asserì il frate.

Fàttosi caricare l’oggetto della visita risalì sul biroccio dicendo che a loro, per essere solo due, l’abbazia lasciava fin troppo. Aggiunse amichevolmente per lenire la tensione:

“È lu pàpa ca dice ca forche e furcune l’aùsene i diàvule. Ma s’è maje viste ca dind’o ‘nfierne, mmièz’o ffuòche, ce ponne stà i fforche ca se fann’e lignamme? Ma chill’è pàp’e ce cumànne; che ce vuò fà, Biaggì? (E’ il papa che dice che forche e forconi li usano i diavoli. Ma si è mai visto che all’Inferno, in mezzo al fuoco, possono stare le forche che si fanno di legno? Ma quello è papa e ci comanda; che vuoi farci, Biagino?).”

“Aspettà ca mòre e pò u fatte ci’o scurdàmme  (Aspettare che muoia e poi il fatto lo dimentichiamo).”

“Ma che bbaje dicènne? (Ma che dici?)” e zì prèvete frustò il mulo pensando che le cose si sarebbero aggiustate proprio come Biagino aveva prospettato.

 

Licia Tavanzi

 

 

LE  DECISIONI

 

Pino la tirò su:

“Lascia stare” disse, “io sto bene. E tu? stai a posto?”

Licia mugolando un assenso si raggomitolò come al solito nell’incavo dell’ascella di lui coprendogli il ventre con la gamba e incastrandogli il proprio contro il fianco.

“Lo facevo per te” lo assicurò sentendosi in pace con il mondo, piccola e protetta fra le sue braccia.

“L’avevo capito” concluse lui.

“Ragionavo sulle possibilità virtuali” riprese lei dopo un poco. “Sai, come in ‘Sliding doors’; immaginare un futuro alternativo: se in un certo momento si fossero operate scelte diverse come sarebbero cambiati gli eventi? Supponendo di aver deciso in altro modo nel passato quale presente vivremmo?

Pensa per esempio se a quella lezione di Laboratorio avessi deciso di far sega. Non ci saremmo messi insieme, forse non ci saremmo mai neanche conosciuti.”

“Invece” la interruppe Pino divertito, “non solo ci conoscemmo ma ricordo che non perdemmo neanche troppo tempo: il nostro Enrico non lo infornammo la sera dopo?”

“Dico sul serio, amore; se non avessimo deciso per Chimica tutti e due ora non staremmo così.”

“…e non saremmo tanto sposati con figli pestiferi, quattro suoceri tutti parimenti rompicazzo e pure con il cane da passeggiare ‘trentasedici’ volte al giorno.

Non pensarci più. Dormiamo?”

 

Ma Pino la trascorse in agitazione quella notte.

In un dormiveglia interminabile qualcosa gli diceva che l’amore delle donne è mutevole e transitorio e che, perso il pudore fanciullesco, fatta amicizia col sesso le braccia mascoline fra cui raggomitolarsi sono assolutamente intercambiabili se il tutto può avvenire con discrezione. La compagna che ritiene di non soddisfarsi sessualmente almeno quanto lui si sentirà giustificata se cercherà l’appagamento che le manca altrove, pronta a tradire instancabilmente nel perseguire tale scopo per quante delusioni possa rimediare.

Era proprio quello di cui era convinto prima di incontrare Licia ed era stata lei a fargli ripudiare quelle idee rassicurandolo che fra loro la fedeltà coniugale sarebbe stata più salda della roccia.

Qualcosa stava limando il loro rapporto e qualche segnale c’era a indicare una lenta caduta verso il tran-tran e lo scontento. Quando sarebbe cominciata la noia vera e propria? quando la crisi che li avrebbe devastati prima o poi?

Licia gli aveva fatto perdere la bussola e si era lasciato portare al macello. Da lei a quel tempo voleva sesso, risate insieme, non figli, non matrimonio, non fastidi senza fine.

Se non avesse deciso di sposarla…

Utente di tutto lo spazio, ma capisci? unico padrone della casa e di quello che aveva, sesso a volontà senza aspettare le calende greche perchè o trovi chi te la dà o una bella masturbata farneticante con la quale fantasticare di fartene dieci insieme non te la impedisce nessuno; e poi mangiare quando e cosa ti va non quelle insulse insalatine senza neanche il sale solo perchè mamma fa pure lei così; uscire quando e con chi si vuole senza pensieri, senza troppe responsabilità, senza nessuno che ti rompa il…

 

Anche Licia affrontò un notturno tormentoso.

Se non avesse deciso di mettersi con Pino a partire da quel fatidico Laboratorio di Analisi non si sarebbe sposata così presto, sicuramente.

Quei due mostriciattoli che le avevano consumato l’utero e il seno non ci sarebbero stati. E se dopo tanti sforzi per farli crescere fossero diventati assassini dei genitori come si sentiva in TV? o drogati, o semplicemente parassiti e strafottenti? E lei si stava sciupando, inaridendo, aveva perso ogni bellezza e brio appresso a loro e a un marito che cominciava a far cilecca. A proposito, questo perchè? qualche amante?

Da un po’ aveva cominciato ad avvertire tutti gli odori che fluivano da Pino. Non che fossero diversi ma le sembravano sempre più pesanti e sgradevoli. Sapeva bene che tutti si puzza ma Pino un po’ di più forse perchè abbastanza spesso gli permetteva di sguazzarle dentro dappertutto: lei faceva la brava moglie e la festa se la godeva tutta lui.

Come mai, prima, non aveva fatto caso a tutto ciò o non le era mai spiaciuto tanto?

Senza Pino, senza figli, senza obblighi e doveri, se non fosse bastato l’autoerotismo chi le avrebbe proibito di  portarsi a letto uomini sempre diversi? o provarci anche con donne tanto per appagare una strisciante curiosità in merito?

Senza impegni afflittivi, senza sacrifici per tutta la vita, lavoro piacevole, mises firmate e scarpe da riempirci una casa tutta sua, viaggi, hobby, avventure…

Solo se Pino non ci fosse stato…

 

Preparandosi per uscire erano mosci la mattina.

“Non mi dire” sondò lui “che hai pensato alle tue storie alternative.”

“No, tesoro. E perchè?” rispose compunta e convinta. “Quale vita potrei desiderare migliore di questa?”

“È vero? sono d’accordo” affermò Pino dandole un grosso bacio. “Stai tranquilla, invecchieremo insieme.”

Bocca a bocca entrambi pensarono: ‘Purtroppo’.

 

Licia Tavanzi

 

(Grazie a tutti quelli che mi seguono. Vi do appuntamento alla prossima domenica, 8 apr, con altre storie)

Tags:
7 Commenti
  1. PaolaRi 2 settimane fa

    Woww Licia

  2. Ketty Smile 2 settimane fa

    Unica

  3. ElisaFabozzi 2 settimane fa

    💖💖💖

  4. SergioBonetti1960 2 settimane fa

    Baciami Licia

  5. ZaraTremila 2 settimane fa

    😘😘😘

  6. GiuliaBianchi 2 settimane fa

    Che sensualità

  7. Autore
    Licia Tavanzi 2 settimane fa

    Grazie.

Cosa ne pensi?

©2018 iosono.me

Realizzato con il ❤ da livenetworkitalia.it

iosonomefooter

oppure

Accedi con le tue credenziali

oppure    

Hai dimenticato i tuoi dati?

oppure

Create Account