Ho immaginato tante volte il tuo ritorno. Per lo più era tutto organizzato dal destino. In giro a fare compere, al bar a prendere un caffè, luoghi diversi ma sempre con la stessa scena, mi voltavo ed eri li a sorridermi, come se anche tu non aspettassi altro dalla vita.

E poi i soliti cliché, “ciao ma guarda che coincidenza, anche tu qui.” , come se fosse solo un caso, come se le nostre strade dovessero congiungersi di nuovo.

E  tuffarsi nei ricordi, a parlare di tutte le giornate passate a non far nulla, a stare sul divano a guardare la tv abbracciati stretti stretti, o a cucinare insieme litigando su quale sia la ricetta giusta da fare, o la mattina appena svegli guardarsi negli occhi e capire che non era un sogno, eravamo reali ed eravamo li, l’uno accanto all’altra.

Ma il tempo è passato, quei giorni sono diventati polvere, e quei sorrisi vivono nei ricordi.

Abbiamo continuato a percorrere le nostre strade soli, forse in parallelo, forse no. Ognuno con i suoi giorni, ognuno con i suoi guai.

Ora non immagino più il tuo ritorno, sono sola seduta al bar a guardare la gente che passa e non sa chi eravamo noi.

Le mie resteranno parole d’inchiostro mentre un’altro giorno muore.

Tags:
0 Commenti

Cosa ne pensi?

CONTATTACI

Per qualsiasi domanda non esitare.. mettiti in contatto con noi!

Inviando

©2017 iosono.me | CREO QUINDI SONO.

Realizzato con ❤ da Mediaclad

iosonomefooter

oppure

Accedi con le tue credenziali

oppure    

Hai dimenticato i tuoi dati?

oppure

Create Account