Aveva solo quattro anni, quando capì che la vita sarebbe stata complicata.

Quella sera di giugno, l’ennesima lite tra i suoi genitori, la portò a nascondersi, spaventata, tra il lavandino di pietra della cucina e il frigorifero. Accucciata, infinitamente piccola, quasi volesse rendersi invisibile.

I suoi occhi erano così fondi che parean più scuri; fissavano un punto lontano, sperando che la porta della cucina si aprisse.

La lite degenerò e il frigorifero ricevette un pugno, muovendosi.

Lei, rimase ferma, quasi senza respirare, si portò le mani sulle orecchie.

Ripensò ai suoi cani; loro sarebbero stati in grado di aiutarla e farla uscire da quella nicchia di fortuna.

L’aria era quasi irrespirabile, densa di parole fredde, villane, dolorose.

Se si fosse messa a piangere forse si sarebbero accorti di lei; se si fosse messa a urlare … se … Il coraggio però le mancava, non riusciva a muoversi da quella scomoda posizione.

Non una lacrima … non un urlo. Solo paura.

Poi, all’improvviso, finalmente qualcuno girò la maniglia della porta. Le due persone smisero un attimo di urlare, guardando quella figura che, con passo deciso entrò e chiamando per nome la piccola, la prese in braccio e la portò via.

Fuori, dove le stelle disegnavano il cielo illuminandolo, mano nella mano con il suo salvatore, riuscì a respirare.

I suoi cani, alti quanto lei, le trotterellavano a fianco, proteggendola, ancora una volta.

by ©Raffaella C.B.Amoruso (Raffreefly)

Tags:
0 Commenti

Cosa ne pensi?

CONTATTACI

Per qualsiasi domanda non esitare.. mettiti in contatto con noi!

Inviando

©2017 iosono.me | CREO QUINDI SONO.

Realizzato con ❤ da Mediaclad

iosonomefooter

oppure

Accedi con le tue credenziali

oppure    

Hai dimenticato i tuoi dati?

oppure

Create Account