VERSI E SENTIMENTO – 1

FUGA

 

Parole dolci ormai non ho a sentire

e sto qui a prender botte. È meglio sola.

Ho colto un buon momento per fuggire

e nell’andar la mente si consola

 

che ho scelto la salvezza e l’avvenire

seppur con tanti dubbi e il cuore in gola.

Mi dico: ‘Che volevi, ancor soffrire?

Vai che sei ancora in tempo, presto, vola,

 

percorri la tua strada a passo svelto

con quattro soldi in tasca e un grande sogno.’

Di amar qualcuno giusto ho un gran bisogno

 

da alcuno mai più imposto, da me scelto.

Unite con le sue queste mie mani

sapranno costruirmi un bel domani.

 

Valeria Giulietti

 

 

AMORE  MAL  CORRISPOSTO

 

Come cercare un senso in quest’amore

per il qual d’improvviso persi il senno?

Non posso che seguire ogni tuo cenno,

sconvolta e sempre attratta dal tuo ardore.

 

Le membra mie non sanno quel che fanno

seguendo le tue voglie a tutte l’ore.

Orgoglio non c’è in me, neppure onore

ma tanta sofferenza per l’inganno.

 

Sospesa a un fil nel vuoto ora mi sento.

Che fa se un posticino mi ritaglio

nel cuore tuo? Ma son parole al vento.

 

In te c’è indifferenza e non mi sbaglio.

Non riesco a darmi pace e a non soffrire

e il disamore tuo mi fa morire.

 

Valeria Giulietti

 

 

ORE  D’ AMORE

 

Prima di te non ero che candore

inesperta del tutto sull’amore.

Ora vorresti sesso a tutte l’ore

e non badi se a volte nel tuo ardore

 

non fai che procurarmi del dolore.

Quante bugie dicevi, bell’attore,

che a storie e grosse balle sei inventore.

Quand’io cercavo in te un po’ di calore,

 

sentendo dentro me come un bollore,

tu mi lasciavi sola. Ora un malore

ti possa capitar. Sono in furore

 

e andrò a cercarmi presto altro amatore.

Non m’interessa se farò scalpore

chè in moto s’è ormai messo il mio motore.

 

Valeria Giulietti

 

 

REMISSIVITA’

 

Sparge sulle colline in fiore il vento

i mille pezzi del mio cuore infranto.

Di rabbia e strazio ancora scorre il pianto

chè a freno non so porre ciò che sento.

 

Non offri scuse, non hai mai rimpianto

e non t’accorgi mai del mio scontento.

Rispondi male e apprendo con sgomento

ch’a amare fra noi due son io soltanto.

 

Guardandoti negli occhi ho la conferma

che quello che tu senti è un freddo fuoco

e un tiepido grigiore si rafferma.

 

Allora per te son soltanto un gioco?

Diventa ogni passion noia fatale,

non trasognata più, solo carnale.

 

Valeria Giulietti

 

 

FEMMINICIDIO

 

Per gelosia morbosa l’esistenza

m’ha tolto la tua stretta che rinserra

la gola mia con tutta la violenza.

Coperto hai il corpo mio con foglie e terra

quasi con cura e molta diligenza.

Non odio più, né amor, nemmeno guerra.

 

Or che l’oblio m’ha ormai fra le sue braccia

fa che di me non ne rimanga traccia.

 

Valeria Giulietti

 

(Pubblicherò ogni giovedì. Quindi vi do appuntamento al prossimo 1° mar con altri versi)

Tags:
6 Commenti
  1. Silvy 2 mesi fa

    Sei favolosa..versi sublimi …TOP!!!

  2. DolceMia 2 mesi fa

    Da applausi

  3. Barby1980 2 mesi fa

    Dolce sei tu

  4. SamanthaBelli 2 mesi fa

    Una vera poetessa

  5. Terryte 2 mesi fa

    Tutte poesie bellissime

  6. Autore
    ValeriaGiulietti 2 mesi fa

    Grazie a tutti. E auguri a tutte noi donne.

Cosa ne pensi?

©2018 iosono.me

Realizzato con il ❤ da livenetworkitalia.it

iosonomefooter

oppure

Accedi con le tue credenziali

oppure    

Hai dimenticato i tuoi dati?

oppure

Create Account